0 0
Read Time:1 Minute, 58 Second

Cosa non possiamo dare per scontato quando andiamo in vacanza insieme alla nostra disabilità

Per il mio primo articolo nella sezione Extra Abilità, vorrei parlarvi di un argomento vacanziero.

Si stanno avvicinando le vacanze infatti, i momenti di svago e di uscite in famiglia.
I bambini piccoli esplorano tutto e bisogna avere mille occhi, vorremmo essere polipi per avere più di due braccia.
Per chi è genitore non racconto nulla di nuovo, se in tutto questo entra in gioco la signora “Disabilità” allora bisogna fare i conti con più fattori e di diversa natura.

Io sono Margherita, ho 42 anni, una donna e mamma che convive con una disabilità dalla nascita.
Da due anni e mezzo sono mamma di Emanuele, bambino giustamente vivace in piena esplorazione della Vita.

Sono una mamma che cresce e impara con lui.
Impariamo a stare assieme.

Cosa vuol dire muoversi nello spazio

Decidere di andare al parco sembra apparentemente un’operazione semplice.
Esco di casa, metto la giacca, porto una borraccia d’acqua.
E invece devo cercare una serie di risposte a domande che semplici non lo sono mai.
Mi potrò muovere con le stampelle?
O porto la carrozzina? E se andiamo al mare (vivo in Sardegna)?
Ci sarà la passerella?
Come carico i giochi per lui?

Devo pensare a tutto questo anticipatamente e tessere un po’ la tela in anticipo.
Vacanza, figlio e disabilità: tutto in un pacchetto, un bagaglio che non può cambiare.


Per fortuna ho dei luoghi preferiti, luoghi “sicuri”, luoghi che conosco bene e che mi consentono di muovermi nello spazio con sicurezza.
Un parco al mio paese, una spiaggia non troppo distante da dove vivo sono spazi accessibili e sicuri.

Cerco relax e divertimento per me e per la mia famiglia ma posso avere le prime due solo se ho anche la terza: la sicurezza.

Una donna felice sulla carrozzina su un prato verde

Whable, una mappa delle strutture certificate per disabili

Per questo vi segnalo un’importante iniziativa che ci aiuta a muoverci nello spazio: Whable, un’applicazione che restituisce a portatori di disabilità motoria informazioni riguardanti l’accessibilità e la presenza o meno di barriere architettoniche in luoghi di potenziale fruibilità, in particolare strutture ricettive e locali food&beverage.

Per conoscere meglio la realtà di Whable, vi lascio qui il link alla loro pagina Facebook.

Auguro e tutte e tutti noi una bellissima vacanza, bei momenti da condividere, foto da tenere nel cuore.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Facebooklinkedininstagram

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

One thought on “Disabilità, un bagaglio che non si può dimenticare

Comments are closed.